top of page

COMICON 2023: Ivan Nathan e LolitaPie conquistano nei panni di Crash e Coco

Aggiornamento: 4 mag 2023

Gli italianissimi cosplayer Ivan Esposito e Simona Salierno hanno ammaliato l'intera Mostra d’Oltremare con il cosplay di un iconico duo del mondo dei videogiochi.

 

Che si voglia mettere in mostra il proprio miglior costume o che si ami osservarne i dettagli e riconoscere da cosa sono vestiti i vari cosplayer, la fiera Internazionale del fumetto di Napoli è un’occasione perfetta e, come già ben noto su tutti i social, noi di Game ‘n Talk siamo stati al Comicon 2023 anche per portarvi la nostra esperienza.


Chi pratica l’arte nobile del cosplay, che sia per mestiere o per passione, ha chiaro che ogni cosa ha un limite eccetto due: immaginazione, che è oggettivamente sconfinata quindi non quantificabile, e la perfezione. La seconda c’è chi, a nostro parere, l’ha quantomeno sfiorata.

Sono stati davvero in molti ad aver attirato la nostra attenzione, ma Ivan Nathan e LolitaPie, nei panni degli amatissimi fratelli Bandicoot, sono coloro che ci hanno lasciato davvero a bocca aperta. La cura nei dettagli la fa da padrona mentre questi fantastici cosplayer risvegliano in noi piacevoli ricordi nostaligici direttamente dai lontani anni Novanta (anche se, come ben presto vedrete, alcuni particolari vanno ben oltre l’originaria prima trilogia di Crash).

Splendido scatto, cortesia di Ernesto Greco, imgreko su Instagram (profilo in calce)

Entrambi i cosplayer si dividono tra il dolce sentimento dell’infanzia colma di cristalli che gli è stata donata grazie alle divertenti avventure di Crash e la pesante responsabilità di essere impeccabili nel ricoprire i panni di personaggi che hanno regalato e continuano a regalare gioie (ma anche dolori per qualche livello in particolare... Stiamo guardando proprio te, Slippery Climb!) sia ai grandi che ai piccini.


Interrogato sul suo fantastico cosplay, Ivan ci racconta che questo è il frutto Wumpa di un duro lavoro ed i risultati premiano senz’altro il suo impegno. Nonostante si tratti di una versione personale del Crash che siamo abituati ad immaginare (dettagli nel seguito), ci sentiamo di rassicurarlo sul fatto che ha raggiunto alla grande l’obiettivo di portare in vita il protagonista di una pietra miliare videoludica e che l’ha fatto sicuramente meglio di chi veste il classico costume a mo’ di mascotte di una squadra di calcio qualsiasi.

Se è vero che il make-up non può mancare in un buon cosplay, in questo caso il ruolo che gioca è fondamentale: body painting, sopracciglia lavorate in lana, orecchie in lana con struttura in polietilene espanso, naso nero e occhiali sono serviti a rendere reale e credibile il volto di Crash. L’outfit, come si può evincere dall’uso degli occhiali, si ispira di base alla versione Biker di Crash 4, ma alcuni dettagli sono riconducibili anche a quella di Twinsanity. L’immancabile giaccotto in pelle è stato realizzato per essere quello di Crash in ogni suo dettaglio, dal colletto in simil lana recuperato da una coperta alla ‘C’ creata con due pannolenci giallo e azzurro cuciti insieme e poi applicati sul dorso della giacca.


A completare il lavoro sono state delle ginocchiere da skater pitturate in argento, un paio di sneakers in tessuto rosso alle quali sono state opportunamente aggiunte sia i lacci bianchi che le impronte in silicone colorate di rosso sotto la suola ed il mastodontico Bazooka Wumpa, creazione di un bravissimo prop-maker che Ivan ha ricevuto in ‘dono’.


Sebbene il cosplay di Coco si presenti come più semplice rispetto a quello di Crash, non toglieremo nulla a Simona che ha vestito una tanto impeccabile quanto impegnativa versione della Bandicoot dai capelli biondi. L’attenzione per il più minimo dettaglio sono fonti sì di soddisfazione e gioia, ma anche di uno stress non indifferente per lei, causato dalla responsabilità di indossare un personaggio così iconico. Nonostante l’iniziale timore, il tutto viene ripagato dall’affetto dei comiconiani che circondano la nostra Coco per fotografarla e complimentarsi anche quando vaga per la fiera priva del suo fratellone.

Quello di Coco è un cosplay che per LolitaPie è un piacere da vestire perché che la diverte prima ancora di divertire gli altri, ma è anche un costume da migliorare e migliorare ad ogni occasione. Nonostante il risultato già sbalorditivo, infatti, la cosplayer ci racconta che ogni volta cerca di presentarsi con una versione migliore della precedente.


La parte più difficile per Coco, come per Crash, resta il make-up curato nei minimi particolari, e che Simona ci racconta aver ricevuto un notevole upgrade rispetto al passato, così come la parrucca. Il tutto è ultimato dalla classica salopette in jeans abbottonata da una sola bretella con annessa toppa sul ginocchio a forma di cuore, occhialoni da aviatore, il marsupio e l’inseparabile laptop, entrambi rigorosamente rosa.

Ovviamente Crash e Coco Bandicoot non sono gli unici cosplay che indossano questi fantastici artisti, quindi se vi andasse di vedere Ivan e Simona all’opera con altri personaggi vi consigliamo di seguirli sui loro profili Instagram!

  • Profilo Instagram Ivan Nathan (Crash Bandicoot)

  • Profilo Instagram LolitaPie (Coco Bandicoot)

  • Profilo Instagram imgreko per numerosi meravigliosi scatti dal Comicon

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page